Giorgio Gaber: «Eppure sembra un uomo»

A música que bem cabe como trilha sonora para o ser humano.

Eppure sempra un uomo (G. Gaber, 1970)

Eppure sembra un uomo
vive come un uomo
soffre come un uomo
è un uomo.

Nasce fragile e incerto
poi quando ha la ragione
si nutre di soprusi e di violenza
e vive e non sa il perché della sua esistenza.

È così compromesso
con ogni compromesso
che oramai più nulla né sente né vede
e il compromesso è l’unica sua fede.

Eppure sembra un uomo
vive come un uomo
soffre come un uomo
è un uomo.

Sul muro c’era scritto:
“alzateci il salario!”
l’ha cancellato un grande cartellone
con scritto: “Costa meno il mio sapone”.
Hanno arrestato un ragazzo
che aveva rubato tre mele…
vi prego, fate un po’ di beneficenza
sarete in pace così con la vostra coscienza.

Eppure sembra un uomo
vive come un uomo
soffre come un uomo
è un uomo.

In ditta c’è un salone
lavorano mille persone…
per me è già difficile la vita in due
e credo che prima o poi ci divideremo.
Mio padre è mio padre
mio padre è un brav’uomo
mio padre tratta tutti da cretini:
i vecchi bisogna ammazzarli da bambini.

Eppure sembra un uomo
vive come un uomo
soffre come un uomo
è un uomo?
È un uomo!

Anúncios
Post anterior
Post seguinte
Deixe um comentário

2 Comentários

  1. Moltes gràcies per la cançó. No la coneixia, ni al cantant tampoc. Un poc amb retard, però mai no és tard.

    Responder
    • Sérgio F. Mendes

       /  15/09/2010

      Jo també no la coneixia i ni al cantant… son noves descobertes.

      Responder

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s

%d blogueiros gostam disto: